Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più


PREVENZIONE DONNA

Per le donne il tumore al seno è un nemico temuto, infido e tristemente comune.
I dati lo confermano: in Italia 1 donna su 8 si ammala di tumore al seno. Da noi la situazione non è migliore: il carcinoma mammario è il tumore più frequente nelle donne in tutte le fasce d’età con 941 casi diagnosticati in Romagna ogni anno. Negli ultimi anni sono migliorati i tassi di guarigione, merito soprattutto della sensibilizzazione sul tema, della maggiore adesione alle campagne di screening, capaci di individuare la malattia in uno stadio iniziale, e della maggiore efficacia delle terapie. Le donne, grazie ad un’aumentata consapevolezza e forse grazie alla loro innata forza e determinazione, stanno imparando a conoscere, prevenire e combattere il carcinoma mammario. Stanno imparando a prendersi cura di loro stesse per ridurre il rischio di ammalarsi e aumentare le possibilità di cura nel caso di tumore. Ma tutto questo non basta. Non solo è necessario continuare ad informare e sensibilizzare ma bisogna garantire alle signore nuovi strumenti sempre più validi nella lotta al nemico. Riuscire ad identificare il tumore nelle fasi iniziali è fondamentale e davvero può fare la differenza, tanto che in questo caso si può dire “prevenire il nemico per sconfiggerlo”.

Diagnosi precoce: un'alleata vincente

Il tumore al seno viene classificato in 5 stadi. Se il tumore viene identificato allo stadio 0, la sopravvivenza a cinque anni nelle donne trattate è del 98%. Molto diverse le percentuali di sopravvivenza se il tumore è ad uno stadio avanzato. Nel cancro metastatizzato, cioè quello che ha già colpito altri organi al di fuori del seno, la sopravvivenza media delle pazienti curate con chemioterapia è di due anni (ma vi sono casi in cui la sopravvivenza è molto più lunga, anche fino a dieci anni). Questo fa capire chiaramente quanto sia importante la diagnosi precoce del tumore al seno, se il tumore al seno viene scoperto precocemente le pazienti hanno una prognosi migliore e sono sottoposte a terapie meno invasive e più mirate book.

L'autopalpazione

Un esame che ogni donna deve imparare a fare da sola

Svolgerla in maniera regolare, una volta al mese ed alla fine del ciclo mestruale, permette di rilevare con anticipo ogni possibile trasformazione sospetta. Se si sente un nodulo nel seno non bisogna allarmarsi, molto spesso è dovuto a varie condizioni benigne. E' comunque consigliabile consultare il proprio medico di base od uno specialista.



Ispezione davanti allo specchio

Osservate davanti ad uno specchio l'aspetto dei vostri seni, prima con le mani lungo i fianchi, poi con le mani sopra la testa.

Osservate se vi sono fossette o raggrinzamenti della pelle. Controllate bene il capezzolo, notando se la forma circolare dell'areola è distorta, se il capezzolo è retroflesso, deviato, se è ricoperto di piccole squame o croste.
Spremete il capezzolo delicatamente e osservate se fuoriesce del liquido: in questo caso osservatene bene il colore.

Distesa sul letto

Sdraiatevi comodamente su un piano rigido o sul letto. 

Per il seno sinistro: alzate il braccio sinistro e mettete la mano dietro la nuca. Ora controllate il seno sinistro con la mano destra. La mano deve essere ben tesa, a piatto. Scorrete la mano su tutto il seno, dall'esterno all'interno verso il capezzolo. Controllate tutto il seno.
Premendo con piccoli movimenti circolari, controllate l'area sottostante al capezzolo, l'attaccatura del seno ed il prolungamento ascellare. 

Per il seno destro usate la stessa metodica.

In caso di dubbio, consultate il vostro medico di base o uno specialista.






Scarica la brochure sull'autopalpazione del seno

Realizzata da Istituto Oncologico Romagnolo in collaborazione con Ausl Romagna e IRCCS IRST di Meldola (FC)



Partners e Media Partners

Conad
Valfrutta
Assicoop
SGR Solidale
Unicredit
Intesa SanPaolo
Banca Malatestiana
Romagna Acque
Orogel
Aprofruit
Vicini shoes
Campomaggi e Lucchi
Fondazione Johnson & Johnson
mercato cesena
Rosetti Marino
Siropack
FONDAZIONE BRUNO MARIA ZAINI
Linea Steril