Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

come aiutarci

ADA ROCCHI

I Volontari: una certezza e una speranza in più per i pazienti


Cesena è una città importante per lo IOR: 31 anni fa veniva fondata la Sede e da allora sono tantissimi i Volontari che ogni giorno lavorano accanto a Medici e Ricercatori per sconfiggere il cancro.

Dal 2013, i Volontari IOR, all’interno del progetto Virgilio - che si occupa dell'accoglienza e accompagnamento dei pazienti ai reparti - e in collaborazione con i Volontari di altre associazioni, accolgono i pazienti e i loro famigliari nel punto accoglienza del servizio di Oncoematologia IRST di Cesena, accanto all’accettazione.

I Volontari si riconoscono dal camice bianco con i bordi blu, dai tesserini con nomi e foto e dal sorriso smagliante di chi conosce bene il dolore, ma lo combatte ogni giorno con tenacia. Qui puoi incontrare Ada e tantissimi altri Volontari che rispondono alle domande dei pazienti, li accompagnano agli ambulatori e si prendono cura di loro, con un sorriso che non manca mai di scaldare i cuori.

“Qui è possibile ricevere informazioni e accompagnamento”, recita la Guida per il Cittadino.

Persone semplici dal cuore grande, possono raccontarti storie incredibili di vita e di ribellione alla malattia. Come quella del paziente che da giovane lavorava come falegname e come passione aveva la caccia: un uomo forte e robusto che, anche se provato dalla malattia, non aveva abbandonato il suo fare duro e orgoglioso. Finché un giorno non arrivò Ada che con il suo fare gentile e le caramelle date in dono, riuscì a strappare prima un sorriso e poi a farsi raccontare le sue prodezze da giovane cacciatore e le sue mirabolanti avventure.

Ogni giovedì mattina alle ore 10 Ada è impegnata nel progetto Virgilio e organizza insieme alle altre volontarie una merenda con i pazienti. Preparano i vassoi con dolci e altre delizie e aiutano i pazienti a passare quelle ore noiose. Con loro parlano sempre di cose che non riguardano la malattia: esperienze, viaggi, passioni, storie e aneddoti, perché anche nei momenti più difficili, la vita deve continuare.

E continua grazie a persone come loro, semplici e genuine, tanto da essere diventate ormai fondamentali per mantenere l’equilibrio quando la speranza c’è sempre, grazie alla ricerca, ma si scontra inevitabilmente con le paure più recondite dell’anima.

I Volontari sono diventati una certezza per i pazienti, un viso che dona una speranza in più, per vivere e per lottare contro questo temibile male

Ada Rocchi            

Anche il loro motto è semplice: “risolvere i piccoli problemi dei pazienti prima che diventino enormi”. Così quando un paziente ha bisogno di una coperta, di una caramella per dimenticare l’amara medicina, di un bicchiere d’acqua e di una mano stretta in un momento difficile, loro ci sono sempre.

C’era la paziente che piangeva perché la terapia che stava facendo le faceva perdere i capelli: Ada, spiegandole il progetto Margherita, è riuscita a strapparle un sorriso, tanto che la settimana successiva la paziente è tornata a trovarla, sorridendo per mostrarle la parrucca fornita gratuitamente dallo IOR.

E i pazienti ricambiano spesso questo affetto lasciando ad Ada e alle altre Volontarie cioccolatini e lettere; piccoli ma significativi doni per ringraziarle e dimostrare che, anche grazie a loro, oggi la malattia è meno invincibile.


PARTNER E MEDIA PARTNERS

Conad
Valfrutta
Assicoop
SGR Solidale
Gemos
Urbinati
Banca Malatestiana
Romagna Acque
Orogel
Graziani Packaging
Vicini shoes
La BCC
Orto Mio
Otto per Mille Chiesa Valdese
Rosetti Marino
Siropack
FONDAZIONE BRUNO MARIA ZAINI
Cangini Benne