Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

come aiutarci

Una speranza chiamata taxolo

La testimonianza di Ughetta, paziente oncologica

Giovedì 19 maggio 2016

Chi nella vita non ha programmato un viaggio? Chi mai non si è spostato per andare in vacanza o a trovare amici e parenti? Può averlo fatto da solo o in compagnia, ma questo poco importa. La differenza è che quel viaggio, spesso, è stato pensato in anticipo, organizzato, percorso nella mente e pregustato nel cuore. 

Tuttavia non è sempre così.

Quest’anno mi è capitato di fare un viaggio che tocca le sfere più profonde dell’essere umano: un viaggio mai pensato, talmente inaspettato da lasciarmi un po’ frastornata, ma con la convinzione che andava fatto. Mi sono avvicinata  a tanti termini, fortunatamente prima sconosciuti, e tra questi quello che più mi ha spaventato e con il quale ho dovuto fare i conti è stato “taxolo”. Certo non sei preparata ad affrontare la chemio, perché spontaneamente si associa alla sofferenza, alla malattia grave e, forse inconsciamente, all’amico o all’amica che non ci sono più.

Ma, grazie a Dio, la spiegazione dei medici ai quali sei stata affidata fa sì che quella parola assuma connotati diversi: “chemio” diventa speranza di guarigione, farmaco per vincere nell’oggi la battaglia contro il male del secolo, apertura alla vita ricca di una nuova consapevolezza.

Ed è con questa mia, giunta alla fine del viaggio “taxolo”, che desidero ringraziare tutti coloro che seguono i pazienti oncologici.  E’ un sostegno prezioso senza il quale non si riuscirebbe, con fiducia, a percorrere le strade che vengono preparate per raggiungere la meta finale. Ciascuno di loro accompagna con competenza, attenzione, cura, pazienza, disponibilità, sollecitudine. E che dire dei sorrisi di benvenuto, di condivisione di difficoltà e gioie, del fatto dell’essere chiamato per nome? Ognuno di noi si sente unico pur nell’appartenenza al gruppo, si sente confortato, tenuto per mano e questo aiuta ad affrontare le tortuosità del viaggio, la salita così faticosa.

“Di tumore si può guarire”, mi è stato più volte ripetuto ed io voglio crederci. Anzi: ci credo!          

Un grazie di cuore a voi tutte persone "speciali".

Ughetta


Raccontaci la tua storia

Donare parte della propria storia è importante tanto quanto donare parte del proprio tempo, o parte del proprio denaro. Dentro le nostre parole le altre persone possono trovare un conforto, una speranza, o anche solo la consapevolezza di non essere i soli a provare certe emozioni. Il cancro è una malattia che può portare ad isolarci o peggio: creare una barriera invisibile, immaginaria, inesistente, che divide le persone malate da quelle sane. Rompere questo muro può essere il primo passo verso la guarigione.

PARTNER E MEDIA PARTNERS

Conad
Valfrutta
Assicoop
SGR Solidale
Gemos
Urbinati
Banca Malatestiana
Romagna Acque
Orogel
Graziani Packaging
Vicini shoes
Campomaggi e Lucchi
Orto Mio
Otto per Mille Chiesa Valdese
Rosetti Marino
Siropack
FONDAZIONE BRUNO MARIA ZAINI
Cangini Benne