Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più


Good Sun Good Skin

Lo IOR sulle spiagge della Romagna contro il melanoma

Prosegue “Good Sun Good Skin”, l’iniziativa dell’Istituto Oncologico Romagnolo realizzata in collaborazione con la Skin Cancer Unit dell’IRST IRCCS di Meldola contro il melanoma. La prima parte dell’attività ha visto le biologhe dello IOR, le dottoresse Claudia Monti e Franca Gentilini, impegnate nelle scuole secondarie della Romagna assieme alla squadra del prof. Ignazio Stanganelli, tra i massimi esperti internazionali di tumore alla pelle: l’obiettivo era quello di sensibilizzare i nostri giovani su una corretta esposizione solare in vista dell’estate. Sono stati coinvolti gli studenti di quattro scuole della Romagna: la R. Bendandi di Faenza, la M. Montanari di Ravenna, la A. Frank di Cesena e la P. Zangheri a Forlì, per un totale di circa 430 ragazzi formati.

L’iniziativa non si esaurisce qui, ma vivrà una seconda parte che vedrà i professionisti della prevenzione dello IOR e dell’IRST IRCCS impegnati in un tour delle spiagge della nostra Riviera. L'obiettivo principale è la sensibilizzazione dei bagnanti, per fornire loro indicazioni pratiche su come valutare e riconoscere i rischi derivanti da un’esposizione errata al sole e su come adottare tutte le precauzioni possibili. A tale scopo verranno distribuiti strumenti informativi per guidare le persone durante tutta la giornata, dai depliant realizzati ad hoc fino alla donazione ai bambini presenti di braccialetti fotosensibili per riconoscere le ore della giornata in cui è meglio restare sotto l’ombrellone. I bambini verranno anche coinvolti attraverso un percorso ludico, denominato ACCA2IOR: un gioco pensato appositamente per i più piccoli, di modo da sensibilizzarli anche sull’importanza di una corretta alimentazione.

“Uno studio recente ha dimostrato come un bambino su quattro, in Italia, ha riportato almeno una scottatura solare durante la propria vita – afferma il dermatologo Stanganelli – e quasi due su dieci al mare sono restii ad usare creme o cappellini per proteggersi dai danni dei raggi ultravioletti. Nei primi 20 anni di età si può concentrare sino all'80% dell'esposizione solare: ma proprio le scottature prese nell'infanzia sono il principale fattore di rischio per il melanoma, perché la pelle memorizza il danno e può innescare il tumore nei soggetti predisposti anche a diversi anni di distanza”.

L’iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio di tutti i Comuni coinvolti e sarà organizzata grazie anche al contributo di imprese come BioNike, Mercato Ortofrutticolo di Cesena, Romagna Acque ed Apofruit, partirà martedì 27 giugno da Marina di Ravenna, presso il Bagno Taormina. Gli appuntamenti iniziano dalle 9.30. 

Gli appuntamenti (dalle ore 9.30)

Nelle spiagge

Martedì 27 giugno, Marina di Ravenna, Bagno Taormina

Mercoledì 28 giugno, Punta Marina, Bagno Bologna e Bolognino

Giovedì 29 giugno, Cesenatico, Bagno Romeo

Venerdì 30 giugno, Cervia, Bagno Fantini

Martedì 4 luglio, Bellaria, Bagno 42

Mercoledì 5 luglio, Rimini, Bagno Kauai 6/7

Giovedì 6 luglio, Riccione, Bagno Battarra, 93/94

Mercoledì 12 luglio, Cattolica, Regina Beach 9 - 11


Vuoi conoscere le regole di una corretta esposizione?

Scarica il .pdf della brochure.

Clicca qui

La Skin Cancer Unit

L’Istituto Ocologico Romagnolo e l’IRST IRCCS sono in prima fila nella lotta contro il melanoma da anni, attraverso il lavoro della “Skin Cancer Unit”, guidata dal prof. Ignazio Stanganelli. 

La Skin Cancer Unit ha promosso con IOR, IRST e Università di Bologna un progetto di educazione solare e di ricerca epidemiologica nelle spiagge e nelle scuole della Romagna, progetto che ha portato a molte pubblicazioni scientifiche in riviste di settore e che è  diventata anche un libro (“Il Sole e la Pelle”, 2015, Edizioni Minerva Medica).

Il prof. Ignazio Stanganelli, uno dei massimi esperti di melanoma a livello nazionale, è stato coinvolto come responsabile nel processo di atti­vazione, sviluppo e gestione delle funzioni cliniche, assistenziali e di ricerca degli ambulatori di Der­matologia Oncologica del CPO di Ravenna, della Skin Cancer Unit IRCCS IRST di Meldola, dell’ospe­dale Niguarda Cà Granda di Mi­lano e recentemente della Clinica Dermatologica dell’Università degli Studi di Parma.

E' impegnato nello sviluppo di nuove tecnologie non invasive nella diagnosi dei tumori maligni cutanei, in particolare nella diagnosi precoce del melanoma e si occupa da anni anche di prevenzione e diffusione delle corrette metodologie di esposizione ai raggi solari. Grazie all’attività di ricerca svolta con l’Istituto Oncologico Romagnolo, è stato chiamato come professore universitario presso la Clinica Dermatologica dell’Università degli Studi di Parma.


Partners e Media Partners

Conad
Valfrutta
Assicoop
SGR Solidale
Unicredit
Intesa SanPaolo
Banca Malatestiana
Romagna Acque
Orogel
Aprofruit
Vicini shoes
Campomaggi e Lucchi
Orto Mio
mercato cesena
Rosetti Marino
Siropack
FONDAZIONE BRUNO MARIA ZAINI
BCC